UNA MAPPA DELL'OZIO

Parlando di mappe, il richiamo alle latitudini è spontaneo: quando si parla di ozio, è naturale pensare alla molteplicità delle sue forme e delle sue origini. Questa prospettiva ci permette di sottrarci per alcuni momenti a un’interpretazione dello spazio fatta con criteri di efficacia. Si tratta di scoprire luoghi invisibili, poco spendibili, rari, inconsueti, misteriosi, forse anche in parte impossibili da raggiungere.
Una scoperta alla quale vi invitiamo a partecipare anche voi inviandoci scritti, schizzi, disegni, foto del vostro luogo dell’ozio che saranno pubblicati sul nostro sito e formeranno una mappa da mettere a disposizione di tutte le persone che provano questo piacere. Anche questo è un modo per raccontare una storia, per tessere la tela del racconto, del canto polifonico e polimorfico che dà colore e prospettive diverse alla geografia dei nostri luoghi.
Le voci già disponibili sono consultabili sul sito http://www.itemi.ch/ozio/map.html.Testi e immagini saranno pubblicati senza nessun intervento da parte nostra e non saranno restituiti. Per eventuali problemi tecnici o di contenuto, vi contatteremo personalmente. Nome,cognome e recapito devono apparire chiaramente.
Il materiale va spedito in formato jpg, word, pdf, a info@itemi.ch. Per chi fosse completamente a digiuno di invii elettronici i documenti vanno spediti a:Biblioteca cantonale all’att. di Theo Mossi Viale S. Franscini 30a 6500 Bellinzona