2, L'auto sono io
Domanda: le auto che circolano (marca, modello, ..) che "ritratto" fanno di noi?
Scegliere un'auto è come farsi un autoritratto. Una stessa auto può però disegnare autoritratti diversi:
un'utilitaria può essere per qualcuno un primo sogno realizzato, per qualcun altro l'auto (la seconda) per girare in città.
Ma è certamente un'esperienza diffusa quella di collegare una cilindrata a una certa età, una marca a una nazionalità, 
un modello a un livello di reddito o a un carattere.
Il parco veicoli, declinato per categorie, ci darebbe un primo quadro dell'auto-ritratto della nostra società. 
Il dato non è purtroppo disponibile. Possiamo di nuovo solo avvicinarci a questa realtà, e lo facciamo
attraverso le statistiche sulle immatricolazioni, ovvero su quanto/come cambia il parco veicoli.
Diamo dapprima uno sfondo quantitativo alle immatricolazioni, per rapporto al parco veicoli
Tab. 5.1
    2006
     
Parco automobili   195'471
Immatricolazioni   50'972
% immatricol./parco automobili 26.1
Il dato ci fornisce un'approssimazione della auto entrate in circolazione in un anno in relazione al parco veicoli: circa 1 su 4.
Ma auto nuovamente immatricolata non significa automaticamente auto nuova.
Tab. 5.2
Nel 2007, solo il 35,5% dei veicoli immatricolati in Ticino non erano d'occasione.
Questa percentuale era del  40,7% nel 1984: è aumentato il peso delle auto d'occasione.
Della parte (le auto nuove) della parte (le auto nuovamente immatricolate, quando l'insieme che ci interesserebbe 
sono tutte le auto in circolazione) conosciamo le caratteristiche che contribuiscono ai "segni particolari" 
dell'auto-ritratto. Abbiamo purtroppo a disposizione solo il dato nazionale (con l'associazione del Lechtenstein).
Tab. 5.3
Immatricolazioni di auto da turismo nuove, Svizzera e Liechtenstein,
20071 e 20081, per segmento
             
             
             
  Val. ass.   Val. %   Var. %  
  20071 20081 20071 20081    
             
Microauto 8'133 10'800 5.7 7.3 32.8  
Auto piccole 30'872 31'143 21.7 21.0 0.9  
Classe medio-bassa 48'779 53'780 34.3 36.2 10.3  
Classe medio-alta 36'086 36'813 25.4 24.8 2.0  
Classe alta 14'596 12'639 10.3 8.5 -13.4  
Auto di lusso 3'697 3'220 2.6 2.2 -12.9  
Totale 142'163 148'395 100.0 100.0 4.4  
             
1 Dati del primo semestre.            
             
Fonte: ASTRA/MOFIS/auto-schweiz        
Il profilo che si delinea per il 2008 vede "al centro" (è la classe più numerosa, con più di un terzo del totale) 
la classe medio-bassa; un altro quinto è coperto dalle auto piccole, mentre il segmento alto (medio-alte, alte e di lusso)
copre un altro 35%. Le stesse microauto - non necessariamente sinonimo di auto più "povera" - 
potrebbero venir aggregate al gruppo delle categorie alte.
Le diversità che si notano nei due profili annuali (2007 e 2008; forte aumento % delle micro, aumento delle basse, 
diminuzione delle alte e di quelle di lusso), che possiamo collegare con il caro-petrolio, 
ci dicono che anche le auto-definizioni sono scelte condizionate (si vada al capitolo "[2] 'auto sono io   (2)").
Domande per altre piste
I dati che abbiamo raccolto ci hanno dato un'imagine molto parziale, e sfocata.
La domanda da cui siamo partiti resta quindi per ora senza una vera risposta:
un'altra pista aperta per chi vorrà seguirla.