Torna alla pagina precedente
 


Éloge de la marche
David Le Breton

David Le Breton è nato nel 1953. Insegna sociologia e antropologia alla Facoltà di scienze sociali all’università di Strasburgo. È uno dei massimi specialisti in Europa di antropologia del corpo e autore di numerose pubblicazioni tra le quali ricordiamo: Anthropologie du corps et modernité (1990), Passions du risque (1991), Des visages. Essai d’anthropologie (1992/2003), L’Eloge de la marche (2000), apparso in italiano col titolo Il mondo a piedi: elogio della marcia (2001).
Maggiori informazioni sul sito http://www.metai-lie.info/reponses/bio.asp?IDauteur=57.


Le Breton parte dalla constatazione che l’uomo tecnologico è riuscito a creare un «mondo perfetto» nel quale lo spostamento da un luogo all’altro (e verso luoghi sempre più lontani) è fatto utilizzando protesi meccaniche sempre più veloci e sofisticate, relegando le risorse più elementari del corpo, come camminare, correre e nuotare, lontani dall’agire quotidiano e in ambiti ben distinti nel tempo e nello spazio (palestre, piscine, stadi). Scrive Le Breton: «Camminare, nel contesto della realtà contemporanea, parrebbe esprimere una forma di nostalgia, oppure di resistenza. I camminatori sono persone singolari, che accettano per qualche ora o qualche giorno di uscire dall’automobile per avventurarsi fisicamente nella nudità del mondo».


giovedì 16 ottobre Bellinzona, Biblioteca cantonale, ore 20.30.
La conferenza si terrà in francese. Entrata libera.

Con il sostegno di:

 
17.09.03
Sito: Alessio Tutino